Giovanni Lastoria

Sono nato il 23 Luglio 1967, ad Isernia, nel Molise che “non esiste”, ma già dall’età di tre mesi mi ritenevano troppo attivo e quindi mi hanno trasferito a Milano.

Sono cresciuto professionalmente in IBM, dove ho iniziato la mia carriera di Project Manager nel 2000.

Certificato PMP nel 2004, ho gestito progetti in diversi ambiti, sia interni che presso clienti.

Il 2008 è stato per me un anno di veri e profondi cambiamenti. Con una giusta dose di sofferenza sono riuscito a “tagliare” quelli che ormai si stavano trasformando in rami secchi della mia storia. Lascio IBM per Dimension Data, modifico radicalmente la mia vita privata e lascio la società sportiva con cui collaboravo, iniziando a fare sport per me stesso.

In Dimension Data proseguo la mia professione di Project Manager fino ad entrare in un team Europeo, per cui ho gestito progetti multi-country che mi hanno portato a viaggiare e a conoscere realtà lavorative internazionali che si sono rivelate di grande aiuto anche per la mia crescita personale.

L’acquisizione da parte di NTT nel 2019 comporta una ristrutturazione a livello globale che vede coinvolto anche il mio ruolo. Appena due settimane prima del primo lockdown Covid, mi ritrovo senza lavoro. Sarà grazie al network di conoscenze, a quanto (probabilmente!) seminato negli anni e alla mentalità da triatleta ormai acquisita che dopo solo sei mesi inizio la mia attività da freelance che continua tuttorGioa con grande soddisfazione.

Sport e movimento sono sempre state delle mie passioni. A nove anni, io e il mio migliore amico, fummo scartati ad un provino di calcio, ma non ci demmo per vinti. In poco tempo organizzammo una squadra del quartiere che portammo quasi ad iscriversi al campionato degli oratori, solo per la mancanza di un minimo supporto degli adulti, non riuscimmo nell’intento, ma con quella squadra ci divertimmo come matti per anni.

Verso i 20 anni fu un’altra casualità a farmi entrare nel mondo del futsal. In un centro sportivo mi imbatto in un cartello che promuoveva un torneo di calcio a 5. Contatto i miei amici di sempre, mettiamo su una squadra, c’è un ultimo posto disponibile. Ci iscriviamo, ma non abbiamo tempo di comprarci una divisa adeguata e giochiamo con le magliette intime bianche con i numeri che si staccavano, veramente tristi e brutti a vedersi, ma su sedici squadre arriviamo in finale. L’anno dopo la squadra si iscrive al campionato FIGC. Entro nell’ambiente federale come allenatore, mi affidano la selezione della Lombardia per sei anni, provo quasi l’idea di poter trasformale la passione in lavoro. Alleno fino alla serie B nazionale. È in quel periodo che le passioni di sport e project management convergono, con un amico sviluppiamo nel 2010 uno dei primi sw di tracking delle prestazioni sportive nel futsal. Il prodotto viene messo in vendita on-line, iniziamo a vendere e veniamo anche chiamati dalla federazione come società di “misurazione”, per due edizioni delle “Final eight” di Coppa Italia di serie A. Poi un certo Steve Jobs si inventa iPhone e iPad e siamo costretti e riconvertire tutto il sw. Troppi costi e il progetto si arena (sob!).

Inizio a collaborare con una società di calcio, come direttore sportivo. In tre anni, approcciando tutte le aree come un progetto, triplichiamo gli iscritti e raddoppiamo le squadre dalle categorie minori fino all’agonistica.

Nel 2013 lascio tutto per dedicarmi alla famiglia e ai due figli che ho avuto la fortuna di avere pochi anni prima. Inizio ad allenarmi per un vecchio sogno, completare un IRONMAN di triathlon. Sono anni di allenamenti intensi, quasi tutti i giorni. Faccio le prime gare sprint, la prima vado letteralmente in panico nuotando in quel “ramo del lago”, in una sorta di tonnara con atri 150 atleti, esco molto deluso. Ci riprovo l’anno dopo, riuscendoci. Seguono altre gare di preparazione e a 52 anni, riesco a raggiungere l’obiettivo completando il 70.3 IROMMAN di Alcudia. E’ la distanza media, non completa, ma sarà una delle esperienze più emozionanti e di crescita della mia esistenza, sotto tutti i punti di vista.

Ora il mio tempo è tutto per la famiglia (certo qualche allenamento qua e là) mia moglie, due figli e un cane che ovviamente non poteva che essere un levriero.

LinkedIn: linkedin.com/in/glastoria

Twitter: twitter.com/GLastoria

Colori

PROJECT LIFE CYCLE - PHASE 2 -3

PROJECT LIFE CYCLE: PHASE 2 – PLANNING ICELAND F35

Autore: Giovanni Lastoria  | 27 October 2023

Storie di sport e di atleti viste dalla prospettiva di un Project Manager.
Nella prima parte abbiamo giocato a fare gli SPONSOR di un progetto, ragionando sulla vision, gli obiettivi, lo scopo del progetto ICELAND F35 (vedi articolo: PROJECT LIFE CYCLE : Phase 1 – Conceptual : Iceland F35)....

View More

Risorse gestendo risorse

Risorse, gestendo risorse.

Autore: Giovanni Lastoria  | 04 August 2023

Storie di sport e di atleti viste dalla prospettiva di un Project Manager
Resource driven o time driven? Ovvero, mi faccio guidare dalle risorse e quindi cerco di arrivare più lontano possibile o incastro le risorse disponibili all’interno del tempo e quindi cerco di chiudere entro una data che mi sono prefissato?...

View More

PROJECT LIFE CYCLE Iceland

PROJECT LIFE CYCLE Iceland F35: Phase 1 – Conceptual

Autore: Giovanni Lastoria  | 16 June 2023

Storie di sport e di atleti viste dalla prospettiva di un Project Manager.

Sono due definizioni che danno una spiegazione di cosa si intende per progetto, meglio del ciclo di vita di un progetto. Se ne possono trovare di altre a seconda del contesto in cui si colloca la parola, la Treccani in uno dei tanti possibili significati, identifica un progetto come un “Proposito vago, bizzarro, fantastico e difficilmente realizzabile” che è poi quello che prima o poi tutti i PM si trovano ad affrontare. 

 

View More

Man in a suit with a black and white checkered ball

La punizione del leader situazionale

Autore: Giovanni Lastoria | 26 January 2023

Storie di sport e di atleti viste dalla prospettiva di un Project Manager.
No, no! Sembra il titolo di un film di Woody Allen, ma qui abbiamo deciso di parlare di sport e project management anche se il racconto di oggi ha un po’ del romantico, un po’ della commedia e purtroppo anche del drammatico, come nei film del grande regista.....

View More

Progetti complessi e triathlon estremi

Progetti complessi e triathlon estremi!

Autore: Giovanni Lastoria | 4 November 2022

Storie di sport e di atleti viste dalla prospettiva di un Project Manager.
Oggi so già che andrò ad imboccare una strada insidiosa. Lo dichiaro in anticipo, così mi perdonerete se mi dovesse capitare di andare fuori tema. Qualche tempo fa girava un video sui principali social, si partiva dal sorriso di una ragazza per zoomare verso l’alto su, su, fino al cosmo infinto, per poi ritornare indietro fino allo stesso sorriso e zoomare, questa volta al contrario, fino all’infinitamente piccolo...

View More

Beatrice Colli Image

Beatrice Colli, certificata PM Agile…a sua insaputa.

Autore: Giovanni Lastoria | 10 October 2022

Storie di sport e di atleti viste dalla prospettiva di un Project Manager.
Alzi la mano chi di noi non è stato Agile, almeno un po’, in qualche sua competenza nell’ultimo decennio! Navigando, così per curiosare su Linkedin, è possibile trovare diversi ruoli con questo skill. Abbiamo per esempio degli Agile Coach, Agile Humanist, Agile Consultant, Agile Mindset, Business Agile Manager, Agile HR, Agile Scaling, Agile Transformation Manager.

View More

Racconti di leader sotto il sole

Racconti di leader sotto il sole

Autore: Giovanni Lastoria | 29 August 2022

Storie di sport e di atleti viste dalla prospettiva di un Project Manager.
Nel periodo estivo solitamente le nostre menti hanno bisogno di ricaricarsi e dedicarsi ad argomenti più leggeri, così per questo nuovo appuntamento proveremo a tenere un livello di dettaglio più alto del solito, senza per questo sminuire l’importanza del tema con cui ci confronteremo....

View More

Woman underwater

Menti-adatte e Adda-Menti

Autore: Giovanni Lastoria | 17 June 2022

Storie di sport e di atleti viste dalla prospettiva di un Project Manager.
Nel primo racconto della serie “Storie di sport e di atleti viste dalla prospettiva di un Project Manager” abbiamo raccontato di “Resilienza”, ma nel PMBOK Guide questa parola è praticamente indivisibile da un secondo termine che è “Adattabilità” e dato che un PM non può mai lasciare un task o un progetto incompleti, oggi andiamo a colmare questo gap....

View More

Fabio Apetura

Rischi verticali!

Autore: Giovanni Lastoria  | 3 May 2022

Storie di sport e di atleti viste dalla prospettiva di un Project Manager.
“Sì, sì, ho già messo tutto in tabella. Ho considerato quelli principali, diciamo quelli con probabilità e impatto più alti. Io partirei con questi, li presentiamo in riunione la settimana prossima e iniziamo così il progetto....

View More

Male Gymnast in red shirt

Quando mi dicono : "Io sono molto resiliente!"

Autore: Giovanni Lastoria | 16 March 2022

Storie di sport e di atleti viste dalla prospettiva di un Project Manager. Diversi anni or sono ricevetti, così gratuitamente, un pugno nello stomaco pazzesco e da allora le cose non furono mai più le stesse. Non si trattò di un vero colpo nel senso fisico del termine, si trattò ovviamente di un pugno nel suo significato metaforico, ma la sensazione che provocò in me fu molto vicina ad un impatto fisico per tutto quello che smosse al mio interno ...

View More